Ambiente: un fondo per abbattere gli immobili abusivi in zone a rischio idrogeologico

Il Ministero dell’Ambiente mette a disposizione un fondo da 10 milioni di euro per l’abbattimento di immobili abusivi costruiti in zone ad elevatorischio idrogeologico, in cui il territorio è fragile e con possibilità di frane, alluvioni, erosione della costa. L’accesso alle risorse è riservato aiComuni interessati dal fenomeno.

Il fondo, previsto dal disegno di legge proposto dal ministro Andrea Orlandoe approvato a fine luglio dal Consiglio dei ministri, agisce come una sorta dianticipo con valenza pluriennale in modo da alleviare le difficoltà finanziarie degli enti locali.
I Comuni che intendono portare avanti interventi volti a ridurre o eliminare il dissesto idrogeologicocausato da immobili abusivi dovranno presentare domanda di accesso al fondo, con l’impegno a restituire i soldi dopo aver esercitato la rivalsa nei confronti di chi ha costruito abusivamente l’immobile.

Nella maggior parte dei casi, all’accertamento dell’abuso e all’adozione dell’ordine di demolizione non consegue infatti l’esecuzione: dal 2000 al 2011, si stima che in 72 capoluoghi di provincia, su 46.760 ordinanze emesse, solo 4.956 hanno avuto luogo. Il provvedimento ministeriale intende dunque far fronte a questo deficit esecutivo. Deficit legato al fatto che secondo le attuali norme le amministrazioni comunali hanno l’obbligo di agire in sostituzione del soggetto inadempiente per poi rivalersi economicamente su di esso per le spese sostenute. Il che comporta per gli enti locali l’esigenza di rilevanti disponibilità finanziarie immediate che spesso non hanno.

Per far fronte a questa mancanza di risorse, il disegno di legge approvato dal Cdm prevede l’istituzione di un nuovo capitolo nello stato di previsione della spesa del Ministero dell’Ambiente, che renderà disponibili ai Comuni che ne faranno richiesta appositi finanziamenti per la rimozione o la demolizione dei manufatti realizzati in assenza o in totale difformità del permesso di costruire.

fonte Fasibiz

,

  1. Lascia un commento

.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...