Minacciavano di farle il “malocchio” per estorcerle denaro

La vittima, un’anziana donna di Barcellona P.G., sarebbe stata costretta a consegnare alle indagate circa 48 mila euro.
I Carabinieri di Barcellona Pozzo di Gotto, hanno dato esecuzione ad una ordinanza applicativa di misura cautelare personale coercitiva per concorso in truffa aggravata e continuata, emessa dal Gip del Tribunale del Longano, Anna Adamo, nei confronti della 56enne, MariaParisi, di Milazzo, e della 39enne, Giuseppa Maria Maio, residente a San Filippo del Mela.

Grazie all’indagine dei militari, estesa a controlli bancari, traffici telefonici e testimonianze dirette, è stata ricostruita la truffa che sarebbe stata commessa dal Settembre 2011 fino all’Ottobre dell’anno successivo nei confronti dell’anziana donna. Prisi e Maio avrebbero approfittato dello stato di deficienza psichica, della fragilità e suggestionabilità della vittima, per farsi corrispondere denaro quantificato in 48 mila euro.

Le due donne, in più occasioni, avrebbero minacciato l’anziana signora per costringerla a consegnare del denaro dicendole di essere stata oggetto di “malocchio”, e che se non avesse pagato sarebbero morti, per effetto della “fattura”, lei, i figli, i nipoti e tutti i parenti fino alla settima generazione. A carico delle due indagate è stata contestata l’aggravante di avere approfittato di circostanze di tempo, luogo o di persona tali da ostacolare la pubblica o privata difesa della vittima.

A determinare il positivo esito della complessa attività di polizia giudiziaria è stata l’efficace e sinergica attività info-investigativa posta in essere dai militari dell’Arma territoriale di Barcellona Pozzo di Gotto, coordinati dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, Giorgio Nicola. Una volta ultimate le operazioni di Polizia Giudiziaria, Maria Parisi e Giuseppa Maria Maio, sono state accompagnate presso le rispettive abitazioni in quanto a loro carico è stato imposto l’obbligo di dimora nel territorio del comune di residenza con il divieto assoluto di non allontanarsi dal territorio del citato comune senza autorizzazione del Giudice. Sono in corso ulteriori indagini da parte dei Carabinieri per accertare se le due donne si siano rese responsabili di analoghe truffe in danno di altri anziani nell’hinterland barcellonese.

fonte articolo: Infomessina

Annunci

, , , , , , ,

  1. Lascia un commento

.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...