BARCELLONA PG, CONCESSIONI SOSPETTE: SEQUESTRATO IL PRG. IL PROVVEDIMENTO NON PREGIUDICA L’ITER AMMINISTRATIVO IN CORSO

Barcellona – I carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Barcellona Pozzo di Gotto, su ordine del sostituto procuratore Giorgio Nicola, hanno perquisito il settore urbanistico dell’ufficio tecnico comunale e sequestrato l’originale del Piano regolatore generale, vecchie e nuove tavole, per gli effetti di una indagine giudiziaria – allo stato contro ignoti – in cui si ipotizza il reato di falsità. Reato attribuibile, questo il sospetto degli inquirenti, ad atti amministrativi che sarebbero stati adottati in conseguenza dell’approvazione definitiva dello strumento urbanistico e in particolare nell’iter del rilascio, a quanto pare, di una o più concessioni edilizie o – come ribattezzate direcente – permessi a costruire. La riservatezza dell’indagine giudiziaria dovuta alla necessità di preservare le prove utili ricercate dai militari del Nucleo operativo, ha portato gli inquirenti a “blindare” durante la perquisizione degli uffici con presidi agli accessi delle stanze dell’intero settore tecnico dell’Urbanistica di Palazzo Longano, tanto che lo stesso personale che doveva lasciare l’ufficio doveva essere censito dagli stessi carabinieri. L’arrivo dei carabinieri del Nucleo operativo della locale Compagnia intervenuto al comando del capitano Filippo Tancon Lutteri, è avvenuto di buonmattino. La squadra di investigatori incaricata di procedere alla perquisizione e all’acquisizione di tutti gli atti originali del Prg, si è recata dal segretario generale dell’ente Roberto Ribaudo esibendo il decreto con cui il magistrato inquirente disponeva il sequestro giudiziario per una indagine in cui si ipotizza, allo stato contro ignoti, il reato di falsità. Poi si è proceduto, previa convocazione del caposervizio del settore arch. Giuseppe Perdichizzi e del Rup del Prg ing. Orazio Mazzeo, alla perquisizione finalizzata al sequestro degli atti in copia originale. Oltre alle tavole del Prg, vecchie e nuove, agli aggiornamenti sulla base delle prescrizioni adottate dalla regiine ins ede di approvazione e delle osservazioni avanzate dai privati e accolte in definitiva dalla Regione o in precedenza dagli stessi progettisti che ne hanno riconosciuto validità, il sequestro ha riguardato una infinità di allegati che compongono il corposo incartamento custodito in un armadio blindato. Si tratta dell’intero compendio di relazioni Geologiche, dello Studio agricolo forestale, del Piano di assetto idrogeologico e di tutti gli allegati che compongono lo strumento urbanistico, tutti atti finiti sotto i sigilli e trasferiti dai carabinieri negli uffici della Procuradella Repubblica per essere esaminati dal magistrato inquirente, il sostitutoprocuratore Giorgio Nicola che quasi sicuramente procederà alla nomina di unconsulente tecnico. Di certo, a quanto pare, ci sarebbe già l’individuazione dell’atto di cui si sospetterebbe la falsità nella compilazione. Il lavoro di catalogazione degli investigatori è durato fino alle 15, quando i carabinieri raccolti gli incartamenti, hanno lasciato le stanze del settore urbanistica dell’ufficio tecnico di Palazzo Longano. Le ultime settimane sono state caratterizzate da un acceso dibattito politico che ha coinvolto tutte le componenti presenti in Consiglio comunale e fatto registrare confronti e persino un tavolo tecnico per la definizione delle procedure per giungere –a quasi sei anni dall’approvazione del Prg con decreto pubblicato sulla Gazzettaufficiale del 27 aprile 2007 – alla presa d’atto finale con gli aggiornamenti contenuti nel decreto stesso. Tuttavia, come fa sapere lo stesso caposervizio dell’urbanistica arch. Giuseppe Perdichizzi, il sequestro degli atti – pur in copia originale – non pregiudica l’iter intrapreso per giungere all’agognata “presa d’atto” la cui proposta di delibera non ha ancora visto la luce. LEONARDO ORLANDO – GDS DEL 02-01-13

fonte articolo:logo enricodigiacomo.org

Annunci
  1. Lascia un commento

.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...