LE PRIMARIE DEL PD: Troppi votanti a Messina rappresentante di lista denuncia

Lettera a Bersani per segnalare l’enorme numero di votanti, 24.000, assolutamente difforme dal trend nazionale e delle altre province della Sicilia e il grandissimo numero di preferenze riportato da Francantonio Genovese e da una candidata senza alcuna esperienza politica a lui vicina. Ricorsi e contestazioni anche a Palermo e Caltanissetta. A dodici ore dalla chiusura dei seggi, ricorsi, contestazioni e lettere alla segreteria nazionale agitano il Pd siciliano. A Palermo la parlamentare uscente Alessandra Siragusa, solo quinta, ha già presentato un ricorso. A Caltanissetta invece in nottata sono intervenuti i carabinieri, dopo che Lillo Speziale, ex presidente dell’antimafia regionale, ha segnalato anomalie durante il riconteggio delle schede. Speziale è dietro a Daniela Cardinale, deputata uscente e figlia dell’ex ministro Salvatore Cardinale. Messina invece ha fatto riscontrare un numero enorme di votanti rispetto al numero di abitanti e rispetto all’affluenza alle urne nelle altre province sicilane. A lanciare il sospetto di irregolarità nel voto delle primarie a Messina + un rappresentante di lista, Paolo Fontana, che scrive una lettera al segretario nazionale del Pd Bersani segnalando l’anomalia del numero di votanti registrato nella provincia di Messina dove si è affermato nettamente Francantonio Genovese con circa 19 mila preferenze: 24.000 partecipanti su 600.000 abitanti. A Milano – si legge nella lettera – con tre milioni di abitanti hanno votato in 33.000, in provincia di Palermo (1.250.000 abitanti) hanno votato in 10.000, la città di Palermo (653.000 abitanti quanto la provincia di Messina) ha avuto 3.270 elettori. Queste anomalie – chiede il rappresentante di lista – sono solo sono una causalità, dimostrano un radicamento del PD nel territorio o nascondono qualcosa di diverso?”. Fontana racconta anche di minacce ricevute da alcuni rappresentanti di lista in alcuni seggi di zone “difficili” invitati in modo spiccio ad allontanarsi con frasi del tipo: “Esci fuori e ti faccio vedere io se ti permetti a dire che chi non è iscritto non può votare” e sono stati costretti ad allontanarsi per evitare tensioni e polemiche. Ciò anche, purtroppo, su invito di alcuni “emissari del partito” perché – come hanno detto alcuni esponenti del partito locale – “non si mandano persone perbene a fare i rappresentanti di lista in seggi/circoli difficili”. A Messina l’esito delle primarie ha visto la netta affermazione di Francantonio Genovese con 19.000 voti. Dietro di lui Maria Tindara Gullo con 11.365 preferenze, cugina di un consigliere provinciale vicino a Genovese, e terza Liliana Modica con 6529 preferenze. Numeri altissimi se si pensa che a Palermo la prima dei votati, Magda Culotta, ha riportato poco più di 3000 preferenze.

http://www.enricodigiacomo.org/2012/12/le-primarie-del-pd-troppi-votanti-a-messina-rappresentante-di-lista-denuncia/

Annunci
  1. Lascia un commento

.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...